Elisa Giordano Dietista +39 348 8120364
STUDIO METHOD  - VIA ARVIER 9 - TORINO  

CASE HISTORY

Home » CASE HISTORY

Nella vita quotidiana in palestra, al supermercato, in ufficio, in coda alla posta mi capita di ascoltare i discorsi delle persone che mi circondano e frequentemente sento frasi come queste: “sono a dieta”, “non mangio pasta”, “non mangio pane”, “ ho eliminato tutto l’olio”,  “faccio un pasto al giorno”, “mangio alimenti senza glutine”, “mangio solo verdura per alleggerirmi”…

Poi c’è chi a sentir parlare di dieta è terrorizzato perché associa a questa parola (dieta) un regime ipocalorico, monotono, ferreo, impossibile da gestire.

Ci sono poi gli estremisti ed i “modaioli” che tendono a prediligere alimentazioni bizzarre, auspicando al raggiungimento di obiettivi improbabili, in poco tempo, mediante l’uso di pasti squilibrati.  Per non parlare di chi dispensa consigli gratuitamente e senza nessuna competenza…la vicina di casa che suggerisce la dieta seguita dalla figlia della giornalaia…

Tutto questo mi ha fatto capire quanta confusione ci sia sulla nutrizione e su tutto quello che ad essa ruota attorno.  Siamo bombardati da troppe informazioni a volte errate a volta corrette ma spesso mal interpretate … tutti sanno tutto ma poi in fondo pochi conoscono realmente l’argomento.

Il termine dieta, nell’immaginario comune, spesso, coincide con la perdita di peso mediante l’eliminazione di una serie di alimenti per limitati periodi di tempo.  

Nella realtà la dieta rappresenta una “sorta“  di educazione alimentare, un insieme di regole nutrizionali e comportamentali che ciascuno dovrebbe seguire a vita e che trova la sua massima efficacia abbinata ad un adeguato esercizio fisico.                            

Ecco il motivo per cui è estremamente importante che essa sia varia, realizzabileed adattabile alle esigenze nutrizionali del singolo; svolge inoltre, un ruolo preventivo, soprattutto nei soggetti a rischio (ad esempio di diabete, obesità…) e funge da terapia o supporto nutrizionale nei casi di patologie conclamate (dieto-terapia).

Nell’elaborazione delle mie diete valuto non solo i fabbisogni calorici, le specifiche esigenze ed abitudini del paziente ma analizzo i “disturbi” che possono incidere negativamente sulla qualità della sua   vita.

Il percorso dietetico-comportamentale che propongo avrà quindi come obiettivi: (a) la modifica della composizione corporea; (b) la variazione ed il mantenimento del peso (c) il miglioramento del benessere psico-fisico generale (mediante ad esempio scomparsa della sonnolenza post-prandiale, riequilibrio   del ritmo sonno-veglia, riduzione del gonfiore addominale, potenziamento della performance sportiva…).

Alcuni dei miei casi di SUCCESSO :


LORENZO B.



PAOLA B.